No, non sto parlando di te

È già un po’ di tempo che volevo scrivere ‘sta cosa. Ma non l’ho mai fatto, perché è un tema ostico, controverso e poi perché ho paura di offendere qualcuno… Ma stamattina mentre stiravo continuava a girarmi nella testa e visto che io sono un’incontinente verbale, eccomi qui.

Sì, il tema è lui, avete capito giusto: i Novax.

Come tutti, immagino, ne conosco molti e, oltre a loro, la mia home di facebook è piena di post e commenti, che io, chissà perché, leggo avidamente. Insomma, mi sono fatta una certa cultura. E comincio ad avere una mia opinione.

Se nelle righe che seguono vi riconoscete, giuro che non mi riferivo a voi, ma a uno stereotipo che mi sono creata nel cervello. Quindi no, non sto parlando di te, sto generalizzando.

Le persone contrarie al vaccino potrei raggrupparle in tre gruppi.

Il primo è composto da quelli da sempre contrari ai vaccini, tutti i tipi di vaccino. Lo erano prima e lo sono ora. Di solito sono anche attenti a quello che mangiano, si curano con l’omeopatia, seguono filosofie antroposofiche, sono spesso vegetariani. Con loro la convivenza è pacifica, perché rodata da anni di conoscenza e con il tempo si è imparato a rispettarsi a vicenda. Inoltre, nella stragrande maggioranza, per coerenza, evitano la tecnologia, non usano i social, usano pochissimo wa per cui con loro ci si vede quasi sempre dal vivo e reciprocamente si sa bene quali argomenti evitare. Insomma, ci si vuole bene.

Nel secondo gruppo ci sono quelli contrari al vaccino per questioni politiche. In realtà loro non sono contrari al vaccino in se, ma all’obbligo di vaccinarsi e al green pass. Sono convinta che se avessero messo il vaccino facoltativo ma a pagamento, sarebbero scesi in piazza allo stesso modo. Sono ugualmente distribuiti tra destra e sinistra e la cosa affascinante di questa pandemia, è che me li ritrovo a condividere gli stessi post. Cioè, persone che fino al 2019 sulle loro pagine dicevano cose diametralmente opposte, adesso me li ritrovo a condividere e commentare usando lo stesso linguaggio e gli stessi argomenti. Questa cosa io la trovo interessantissima. È come se andando sempre più a destra e sempre più a sinistra si fossero ritrovati. Poi pensi che nazismo e fascismo sono entrambi nati dal socialismo e forse tutto torna (sì, lo so, è una semplificazione, non è andata esattamente così… ho banalizzato, chiedo venia, ma ci stava, vi prego non fatemi lezioni di storia).

Io queste persone, anche se non condivido le loro idee, un po’ le capisco: insomma, le imposizioni che abbiamo subito sono molte e capisco che se non se ne comprendono e non se ne condividono le ragioni di fondo, le si possa vivere come imposizioni inaccettabili.

E poi c’è il terzo gruppo, quello per me più enigmatico. Sono persone che perlopiù non si sono mai interessate di politica, del sociale, dell’ambiente, ma sono generose con amici e parenti, sempre disponibili, culturalmente preparate, spesso anche molto simpatiche. Sono spesso però persone che lungo la strada della loro vita hanno trovato degli intoppi. Persone che avevano grandi sogni ma che poi la vita le ha costrette a dei compromessi che hanno dovuto ingoiare. E che hanno vissuto questo come un’ingiustizia, un mancato riconoscimento del loro vero valore, e non come qualcosa che in realtà capita alla stragrande maggioranza della gente. Perché in fondo in fondo loro si reputano migliori della “gente”, ma incompresi.

Insomma, sono persone con un fondo di rancore, una rabbia non risolta, ma soprattutto che vivono con il dubbio che qualcuno le voglia fregare. Ho visto queste persone inizialmente condividere le proprie perplessità e andare alla ricerca di informazioni, per poi lentamente entrare in un tunnel senza ritorno. Come detto, leggo con avidità tutto il materiale novax che mi capita sottomano e so bene di cosa si tratta. Non riportano quasi mai dati falsi, ma li interpretano e li riportano in modo totalmente fazioso. Il linguaggio usato è quello tipico della propaganda e devo dire che sono abbastanza inquietanti. Rimanerne incastrati è abbastanza semplice se non si sta attenti, perché, appunto, i dati e le informazioni che riportano spesso sono fondamentalmente veri, ma abilmente tagliati e rimontati. Seguire queste persone in questi mesi è stato un po’ come assistere a un processo di radicalizzazione: se non sei più che convinto di chi sei, se non hai la giusta dose di fiducia nel mondo, rimanerne affascinati è facilissimo. Perché ti convincono che solo loro ti dicono come stanno veramente le cose, perché solo chi crede a loro è intelligente, furbo e sgamato. Tutti gli altri sono pecoroni sottomessi a dei non ben identificati poteri forti. 

Di queste persone, però, quello che mi dispiace di più, è che, come in tutti i processi di radicalizzazione, piano piano smettono di frequentare chi non la pensa come loro, si rinchiudono in chat di telegram, evitano il confronto o lo gestiscono ripetendo frasi fatte o slogan. Le guardi, parli con loro, e non le riconosci più. È un’esperienza estraniante, ti verrebbe voglia di prenderle a sberle come si fa per svegliare gli ipnotizzati, ma il dramma è che loro provano la stessa sensazione nei tuoi confronti. Vorrebbero prenderti a sberle per svegliarti da quello che loro reputano essere un nuovo sonno della ragione.

Io spero che tutto questo finisca presto. Perché voglio bene alle persone e vorrei che stessero bene. Mi urtano gli slogan di chi si scaglia contro i novax, contro chi farnetica che non andrebbero curati se si ammalassero. Il sistema sanitario nazionale cura tabagisti, alcolizzati, chi ha il colesterolo alto, chi fa vita sedentaria, perché non dovrebbe curare loro? Mi fanno tenerezza e trovo abbastanza pornografico sbattere in prima pagina ex novax dalle terapie intensive che supplicano di vaccinarsi: perché quella umiliazione? A che pro? Ma credete veramente che chi è convinto di essere vittima di un complotto ci crederà?

Il mio preferito però rimane il novax ultracattolico che è tornato positivo da Madjugorie e dopo quella esperienza ha cambiato idea: ho sempre avuto dei dubbi e delle perplessità sulle apparizioni ma dopo aver letto quella notizia comincio a credere anche io alla saggezza della madonna di Madjugorie e alla sua capacità di mandare “messaggi”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.